PH                                                           6-7


kh                                                   2-4°dKh


Accoppiamento                            difficile


Tipologia di fondo                  sabbia fine


Livello di nuoto                                medio


Comportamento                        socievole


Branco                                                       si


Litraggio                            minimo 80 litri


I Ternetzi o tetra neri sono dei piccoli pascetti vivaci e dalla semplice gestione. Molto affascinanti da osservarsi in gruppo soprattutto dai 10 esemplari in su, infatti essendo pesci da branco si spostano assieme e da soli soffrono di solitudine. Sono pescetti adatti alla vita di un acquario di comunità, basta solo rispettare il loro bisogno di restare in branco.

Habitat

L’allestimento adatto per questi pascetti è quello che rispecchia il loro habitat naturale: acque lente e una ricca vegetazione in cui nascondersi in caso siano spaventati. Come fondo è abbastanza indifferente la granulometria (anche se consiglio fine/media per una corretta pulizia) e la colorazione; Ovviamente bisogna sempre utilizzare fondi con colori naturali pouchè colori stravaganti oltre a confondere il pesce possono rilasciare sostante tossiche per i notri amici pinnuti.

Come piante per esperienza ho notato che amano molto le valisneria, in particolare la valisneria gigantea, infatti crea un ampio spazio in cui nascondersi e in cui nuotare attraverso.

alimentazione: Per quanto riguarda l’alimentazione sono onnivori e spesso molto famelici. Mangiano di tutto, dal mangime in fiocchi a base sia vegetale che animale, sia cibo affondante che cibo vivo. Soprattutto ho notato che amano molto le larve di zanzare rosse.

Riproduzione

Partendo dal dimorfismo sessuale si puo notare che il maschio risulta più piccolo e con delle pinne più grande e più colorate, mentre la femmina risulta essere più tozza e con colori meno accesi.

La riproduzione può avvenire sia in vasca che in una vasca dedicata, ma per far sopravvivere più piccoli sarebbe meglio farla in una vasca apposita. Nel primo caso avviene naturalmente e le uova dopo la deposizione di schiuderanno in 18-36 ore, poi i piccoli andranno nutriti con apposito cibo vivo quale anquillole dell’aceto o artemie saline. Nel secondo caso va preparata una piccola vasca in cui mettere la femmina più gonfia e con più uova e il maschio più colorato. La temperatura andrà alzata leggermente a 26/27 gradi e si aspetta la deposizione. In seguito gli adulti verranno tolti e i piccoli dopo la nascita verranno cresciuti con cibo apposito come scritto sopra.

 

Rachele Bonomi