PH                                                       6-7.8


kh                                                   2-4°dKh


Accoppiamento                 molto difficile


Tipologia di fondo                 arrotondato


Livello di nuoto                                basso


Comportamento             non aggressivo


Branco                                                     no


Litraggio                          minimo 400 litri


Il Gibbiceps è un loricaride spesso venduto o acquistato senza conoscere veramente le sue necessità e la sua dimensione da adulto. Infatti spesso viene venduto erroneamente per ancistrus oppure acquistato da neofiti o poco esperti per “pulitore” dei vetri, senza sapere che dopo poco si troveranno in vasca un bestione da 20/30 centimetri per poi diventare tranquillamente anche 40/50.

Partiamo dal fatto che questi animali sono erroneamente venduti come ancistrus: il metodo più semplice per distinguerli e osservare la pinna caudale: nell’ancistrus è a triangolo mentre nel pleco è a forma di 1⁄4 di luna. Il secondo errore è acquistarli come “pulitori”: come prima cosa i pulitori non esistono e ogni pesce necessita della propria dieta dedicata, ma per il pleco in particolar modo la parola “ pulitore” è mai cosa più sbagliata. Infatti, il pleco sporca moltissimo e necessita di filtri molto potenti e di una manutenzione della vasca che va fatta molto spesso (io con il mio pleco da 35cm pulivo il fondo ogni 2/3 giorni).

Parlando della fisionomia del gibbiceps possiamo notare che presenta un corpo allungato con delle grandi pinne e una colorazione marrone scuro bollinata con marrone più chiaro. Particolarmente imponente negli esemplari ben gestiti è quella dorsale che si presenta come una grande vela. Inoltre sul corpo presenta dei piccoli spini che diventano più grosse in prossimità delle terminazione delle pinne pettorali.

Habitat

L’habitat ideale per questo pesce è un grandissimo acquario in cui poter muoversi liberamente, con moltissime radici e legni che ama mangiare. La sopravvivenza di piante con questo loricaride è pressoché impossibile, infatti le mangia quasi tutti, e non disdegna neanche le anubias anche se durissime.

Alimentazione

Per alimentarlo correttamente bisogna fornirgli legni e radici, poiché ama molto la legnina. Inoltre bisogna dargli verdure sbollentate quali piselli e zucchine oppure anche tabs apposite per pesci da fondo che forniscono una dieta abbastanza bilanciata.

Riproduzione

La riproduzione raggiungendo la maturità da adulti (quindi con dimensioni veramente importanti) la ritengo pressoché impossibile in acquario, anche perché depositano le uova in grosse cavità scavate nel fango ed è quasi impossibile ricreare tale situazione in acquario.

Rachele Bonomi